Un messaggio di speranza celato in Oltre l’inverno di Isabel Allende, dopo il freddo arriveranno sempre le belle giornate a portare un po’ di sole nel cuore.

Una delle autrici latinoamericane di maggior successo al mondo è ritornata nelle librerie lo scorso 9 novembre con Oltre l’inverno: stiamo parlando, ovviamente, di Isabel Allende. L’autrice cilena, naturalizzata statunitense, era stata già premiata nel 2014 dall’ex presidente USA Barack Obama con la Medaglia presidenziale della libertà.

La stesura di Oltre l’inverno era già cominciata lo scorso 8 gennaio, data in cui abitudinariamente Isabel Allende inizia a scrivere i suoi racconti. Proprio raccontando ai suoi lettori la nascita delle idee di questo nuovo libro, racconta che durante il Natale 2015, durante una riunione familiare, le fu chiesto cosa aveva intenzione di scrivere. Senza aspettare risposta, ogni componente iniziò ad avanzare ipotesi ed è così che ha preso forma lo scheletro del libro.

Allende scrive, così, una delle sue storie più personali, un romanzo di grande attualità che affronta temi di rilevanza mondiale, come l’emigrazione e l’identità nazionale. Attraverso Oltre l’inverno racconta la geografia umana di alcuni personaggi tipici dell’America di oggi. Partendo da una celebre frase di Albert Camus, la scrittrice ci invita a mantenere viva la speranza delle seconde opportunità, a credere che “oltre l’inverno ci aspetti sempre un’invincibile estate”.

L’ambientazione di tutto il romanzo è negli Stati Uniti, luogo in cui la diffidenza e il dolore attutiscono tutto. I tre personaggi, protagonisti della storia, sono ben caratterizzati e messi insieme dalla fervida immaginazione di Isabel Allende, la quale ha saputo raccontare minuziosamente per ognuno di essi e con grande sensibilità i legami di famiglia, le difficoltà e le passioni, specchio della propria intensa esistenza.

Tre sono, dunque, le vite raccontate, viste sconnesse. Il tutto inizia da un semplice tamponamento, un incidente d’auto che lega i destini dei tre protagonisti poiché li condurrà al ritrovamento di un cadavere nel bagagliaio. Proprio in questo modo l’autrice fa riunire Lucia, Evelyn e Richard che si ritroveranno catapultati in un avvincente thriller.

Diamo un’occhiata al libro più da vicino.

Il Libro

Oltre l’invernoTitolo: Oltre l’inverno

Autore: Isabel Allende

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Data di pubblicazione: 9 novembre 2017

Categoria: Narrativa straniera

Pagine: 297

La trama (ufficiale)

Lucia è dovuta fuggire dal Cile di Pinochet per andare in Canada e da lì è iniziata una vita segnata dalla sofferenza. Così quando si apre lo spiraglio di poter andare sei mesi a Brooklyn come professoressa in un’università americana, Lucia dice di sì. Andare a New York le farà bene per dimenticare il suo matrimonio fallito e per riprendere in mano la sua vita dopo un brutto cancro dal quale è uscita miracolosamente sana e salva. All’università la donna incontra Richard, un uomo che deve dimenticare cose altrettanto brutte e inverni che gli hanno lasciato cicatrici indelebili. L’esistenza di Lucia si intreccerà alla sua e il dolore di quest’uomo, che deve ancora affrontare la morte dei due figli e il suicidio della moglie, segnano uno spartiacque nella loro vita. Il sole sembra però essere giunto nelle loro esistenze mal messe. Ma all’improvviso arriva a New York la nevicata del secolo e Richard e Lucia si trovano bloccati in mezzo al nulla e sommersi dalla neve con Evelyn, una ragazza con la vita altrettanto sgangherata e anche lei in fuga. Il tutto si complicherà con l’assurdo ritrovamento in auto di un cadavere e le storie di questi tre personaggi destinate a salvare da una vita che non perdona.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.