Ho intervistato per voi l’autrice Mondadori, Barbara Baraldi. Ecco i suoi progetti per il futuro e cosa pensa dell’editoria attuale.

Barbara Baraldi ha vinto molti premi in ambito letterario, tanto per citarne qualcuno: Gran Giallo città di Cattolica; Orme gialle e Premio Valtenesi. È conosciuta anche come “La regina del gotico italiano” ed è stata protagonista di “Italian noir”, il documentario prodotto dalla BBC sul thriller italiano, insieme a Camilleri, Lucarelli, Carlotto e De Cataldo. È in corso di pubblicazione la sua saga “Striges” con Mondadori e sempre con questo editore ha appena concluso la trilogia “Scarlett”, già recensita per We smile (cliccare per leggerla).

Illustrazione di Mattia Surroz

Illustrazione di Mattia Surroz

Cosa significa scrivere per Barbara Baraldi?
Scrivere per me significa dare un volto alle voci, alle ossessioni, ai sussurri dei personaggi. Sono convinta che i personaggi esistano davvero da qualche parte, e lo scrittore sia il medium che li porta in “questo” mondo.
In corso di pubblicazione ha la saga Striges con Mondadori, può parlarci di come è nato questo progetto e di come si evolverà nel futuro prossimo?
Sono sempre stata affascinata dalle storie di guaritrici del passato, di stregoneria vera o presunta, argomenti che hanno molto a che fare con la condizione della donna nella nostra società. Per questo ho sempre detto che Striges è la storia che avrei voluto scrivere fin dai miei esordi, e sono felice di aver potuto dare alle stampe questi due volumi, che costituiscono sostanzialmente un dittico autoconclusivo. Però in un futuro non troppo lontano spero di poter scrivere ancora di Zoe e del suo mondo… c’è ancora molto da dire!
Essere autore di noir, thriller e anche fantasy con relativi sottogeneri, cosa significa oggi nell’editoria italiana e come vede il futuro di queste categorie nel mondo letterario, ormai saturo di storie e in crisi economica?
C’è sempre una buona storia che aspetta di essere raccontata, e questo non ha niente a che fare con il fatto che nel mercato del libro continuino a proliferare tante, sicuramente troppe cattive storie.
Escludendo la saga Striges, quali progetti editoriali sta sviluppando e quando i suoi lettori affezionati potranno leggerla?Striges2-voceombra-Baraldi
Sono al lavoro su un thriller dalla forte connotazione al femminile che ha richiesto parecchi anni per essere completato. Siamo alle ultime battute, e non vedo l’ora di consegnarlo ai lettori! Anche se ci vorrà ancora qualche mese… forse qualcosa di più!
L’esperienza che ha fatto nel campo del fumetto con il famosissimo Dylan Dog cosa le ha regalato e come è servito per la sua crescita di scrittrice di genere?
Dylan è per la mia generazione una sorta di “amico di vecchia data”. Un personaggio in grado di parlare al cuore dei suoi lettori, infrangendo le barriere dei generi, veicolando con leggerezza tematiche complesse, universali. Sono onorata di poter scrivere per la serie regolare.
In poche parole, cosa ne pensa del proliferare di autori e autrici di romance e degli editori che puntano tanto, forse troppo, su questo genere?
A volte il romance, così come qualsiasi altro genere, può essere un pretesto per raccontare altro. Se molte autrici (e autori) si dedicano al romance, è forse anche perché in questo momento, nella nostra società, si avverte l’esigenza di una riflessione sulle emozioni, che definiscono una parte importante della nostra identità.
Se Barbara Baraldi avesse il potere della preveggenza, cosa vedrebbe nel suo futuro e in quello del mondo editoriale per il 2016 e 2017?
Non arrivo a tanto! Considera però che l’editoria è un mondo in cui la pianificazione avviene anni prima di arrivare alla pubblicazione. Magari non c’è una vera rivoluzione in arrivo, ma nel futuro credo che editoria, televisione e internet saranno sempre più connessi. E che il libro continuerà a essere inteso come cartaceo (e i miei continueranno a essere pieni di sottolineature), nonostante in molti lo dessero per spacciato dopo l’avvento degli ebook. Credo che il self-publishing si affermerà sempre più come la vetrina principale per scoprire nuovi talenti.

L’autrice Barbara Baraldi è un baluardo per il genere e per il variegato mondo libresco che l’Italia sta proponendo ai suoi lettori. Sono proprio questi ultimi a decretare chi meriti di andare avanti e chi dovrebbe fermarsi all’ingresso e questa scrittrice può vantarsi di avere una folla che urla per lei a gran voce il desiderio di leggere presto nuove sue opere.
Noi di We Smile non possiamo che unirci al coro e attendere con trepidazione crescente le opere di questa giovane e originale autrice nostrana, piccolo gioiello di cui vantarsi nel mondo oltre confine dell’editoria.

Eilan Moon

2016©Eilan Moon -Riproduzione vietata senza autorizzazione dell’autrice-

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.