La stagione autunnale può essere considerata, sotto molteplici aspetti, come la stagione di passaggio dalla primavera della vita alla maturità: al caldo umido e afoso che solitamente accompagna le lunghe giornate estive, subentra una temperatura più fredda, un graduale ridursi delle giornate, una stabilizzazione del metabolismo basale, favorendo la ripresa dell’energia necessaria per le funzioni metaboliche vitali. Il bel tempo svanisce, le foglie iniziano a cadere, le ore di luce diminuiscono a causa della riduzione della radiazione solare: le vacanze finiscono, ricominciano le normali attività.

Ed è proprio in questa prospettiva di passaggio dalla primavera della vita alla maturità che va inquadrata la rinomata poesia di V.Cardarelli “Autunno”: con pochi versi l’autore esprime la sua malinconia derivante dalla transitorietà e inesorabilità della vita, allegoricamente simboleggiate dall’Autunno: “ il sole svanito”, “ la terra nuda e triste”, sono presagi inequivocabili del distacco dai tempi lieti nonché presagio di morte.
Come non citare, a tal proposito, la celebre poesia “soldati” di Ungaretti: “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”. Egli paragona la fragilità delle foglie durante il periodo autunnale, con la cruda realtà dei soldati che cadono in guerra, esprimendo, in questo modo, quella che è l’incertezza del nostro futuro, simbolicamente legato al ramo di un albero, con la possibilità che una brezza di vento durante la stagione autunnale ne sancisca bruscamente la fine.

Pierre Véron descrive l’Autunno come il post-scriptum del sole, alludendo proprio al passaggio da una fase della vita ad uno stadio successivo. Sarà forse per questo motivo che il tanto temuto esame di Stato sia anche definito esame di maturità? Ebbene con l’avvento dell’autunno incomincia, appunto, una nuova avventura nella vita di ognuno dei suddetti diplomati: ecco spiegato il passaggio dalla primavera della vita, alla maturità. Si tratta di porre in essere valutazioni oculate, di scegliere come disporre del proprio futuro. Argomento, questo, di forte attualità se si considerano le raccomandazioni, i favoritismi e i pregiudizi che governano il mondo del lavoro al giorno d’oggi; ma mettiamo per un attimo da parte ogni qualsivoglia forma di critica improduttiva, e prodighiamoci affinché il nostro futuro rimanga saldamente legato a quel ramo…

Carmine Speziale

A proposito dell'autore

mario manzi

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.